Rose di Carnevale

Pronto in

2h 50 min

Preparazione

1h 10 min

Cottura

60 min

Porzioni

12 Pezzi

Costo

basso

difficoltà

media

4.3/5

Dolci fritti con crema pasticcera

Rose di Carnevale

Le rose di Carnevale sono tipici dolci fritti del Cilento a base di uova, zucchero e farina, farcite con crema pasticciera e canditi. La ricetta delle rose di Carnevale è molto semplice da eseguire, infatti, oltre all’impasto che non necessita neanche di tanta elaborazione, basta stendere una sfoglia e ricavarne dei semplici dischetti, che vanno intagliati e sovrapposti a due a due. L’unico inconveniente di questo dolce è che si devono friggere uno alla volta ma, come si dice dalle mie parti : il gioco vale la candela, cioè, il risultato ottenuto ti ripaga del tempo speso.

La rosa di carnevale è un dolce molto apprezzato in tutta la Campania, sia per gusto che per bellezza, nasce dalla genialità di aver saputo abbinare a una specie di chiacchiera rotonda, che nell’entroterra Cilentano si chiamano “nocche” con della crema pasticcera, si presenta elegantemente ed è un ottimo finger food, adatto per arricchire buffet di qualsiasi cerimonia e non solo quello di Carnevale e può essere servito anche come dessert di fine pasto.

Ingredienti

Impasto
  • 250g farina 00
  • 20g zucchero
  • 75g zucchero a velo
  • 2 uova intere
  • limone biologico
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai da tavolo olio EVO
  • 2 cucchiai liquore anice
  • q.b. farina per stendere
Crema
  • 250 ml latte
  • 50g farina 00
  • 50g zucchero
  • 2 uovo grande
  • buccia di limone non trattato
  • 1 cucchiaio di rum o liquore per dolci
Per Friggere
  • 1 litro olio di girasole o EVO
  • q.b. carta assorbente
Per Guarnire
  • 50g zucchero a velo
  • q.b. ciliege rosse candite
Seguici su

Istruzioni

Sulla spianatoia o in una ciotola capiente, preparate la fontana* con la farina

fontana farina pasta base

uova farina pasta base

Mettete nella fontana, zucchero, liquore, olio, uova, un pizzico di sale

Grattugiate la buccia di limone, sopra la farina e gli altri ingredienti

grattugiare limone

pasta base mescolare uova

Partendo dal centro della fontana, incominciate ad amalgamare tutti gli ingredienti, poi, impastate bene per 10 minuti

Appallottolate l’impasto, avvolgetelo in un canovaccio o pellicola e fatelo riposare 30 minuti in frigo

impasto canovaccio

latte e buccia di limone

Mentre la pasta riposa, preparate la crema pasticciera. In un pentolino far bollire il latte con la buccia di limone

Nella planetaria o con un frullatore, montare le uova con lo zucchero

montare zucchero e uova

setacciare farina

Aggiungete la farina facendo in modo che non si formano grumi

Colate il latte per togliere eventuali pellicine e la buccia di limone

setacciare latte e bucce limone

mescolare la crema

Amalgamate bene i due composti e versateli in una pentola

Fate addensare a fuoco moderato (circa 5 minuti), girando sempre

amalgamare crema pasticcera

crema pasticcera cotta

Quando la crema è pronta versatela in una ciotola e con il frustino girare vertiginosamente in modo che diventa bella morbida. Dopo coprite con un canovaccio umido e fate raffreddare

Quando la crema è fredda, con lo sbattitore o nella planetaria frullatela con il liquore per alcuni minuti finché non è bella liscia e soffice

ammorbidire crema

stendere pasta

Ora lavoriamo l’impasto. Stendete l’impasto in una sfoglia sottile, tra un giro e l’altro , spolverate sempre con la farina altrimenti si attacca

Con un tagliapasta circolare medio, tagliate la pasta in tanti cerchi di numero pari, togliete i ritagli di pasta

taglia pasta

taglio rondella rose

Con la rondella, incidete i dischi di pasta in 4 punti, come se fosse un bussola, nord-sud, est-ovest, senza mai tagliare il centro

Con la punta del dito o un pennello, bagnate il centro del disco, poi, sovrapponete un altro disco, avendo cura di non fare coincidere i tagli e premete nel centro. Continuate in questo modo fino a che non avete finito tutta la pasta

rose carnevale

polsonetto

Prendiamo un polsonetto* o una pentolina alta e stretta, versiamo metà dell’olio e facciamo riscaldare a 180°C (350°F) a fuoco moderato, per vedere se l’olio è a temperatura*

Con il manico tondo di un mestolo di legno qualsiasi, mettetelo al centro dei due dischi di pasta, alzatelo all’insù come se fosse un ombrello, sostenete l’impasto con le mani, in modo che non si buchi, capovolgetelo nell’olio bollente e tenete premuto sempre fin quando vedete che la rosa e bella gonfia ed è salita a galla, togliete il mestolo, giratela ed abbassate il fuoco

rose carnevale fritto

rose carnevale fritte

Con la schiumarola*, togliete la rosa dall’olio capovolta, in questo modo esce tutto l’olio dai buchi ed evitate di ustionarvi, mettetela su un foglio di carta assorbente da cucina o sul cappello per frittura

Alzate la fiamma e introducete un’altra rosa, quando sale a galla abbassate il fuoco, questo serve a mantenere l’olio alla stessa temperatura. Se eventualmente l’olio, durante le fritture diventa scuro, cambiatelo con l’altro che avete di riserva

dosare fornello

rose carnevale farcitura

Mettiamo la crema in una sac-a-poche con la punta piccola riccia e incominciamo a guarnire le nostre rose mettendo la crema tra i petali e al centro, appoggiatela su un vassoio e continuate a farcirle tutte

Dopo aver farcito tutte le rose di carnevale con la crema mettiamo al centro una ciliegia candita per ognuna di essa

rose carnevale ciliege candite

zucchero a velo

Ora come ultima cosa spolverate di zucchero a velo e le rose di Carnevale sono pronte, Buona degustazione a tutti!

Consigli

 

  1. Spolverate sempre di farina la spianatoia quando stendete la sfoglia e, infarinatela sempre da un giro all’altro, altrimenti si attacca.
  2. Tagliate la buccia con il pelapatate, così non togliete la parte bianca del limone che è amara.
  3. Per mettere a cuocere la crema, non usate la stessa pentola in cui avete bollito il latte altrimenti la crema si attaccherà al fondo.
  4. La crema per la farcitura deve essere rigorosamente fredda.
  5. Il limone per l’impasto deve essere biologico e prima di usarlo va lavato e asciugato.
  6. * La fontana è il buco che si fa nella farina per non far uscire gli ingredienti liquidi.
  7. * La schiumarola è un mestolo bucato.
  8. * Il polsonetto è una pentolina con il manico lungo.
  9. * Per vedere se l’olio è a temperatura, mettete un pizzico di farina o un pezzettino di pasta, se frigge è pronto.

Conservazione

  1. Le rose di Carnevale, vanno conservate sempre in frigo, coperte da una campana e consumate in 2 giorni.
  2. Le creme, si possono conservare in frigo tre giorni, se fa molto caldo, massimo due.

Attrezzatura

  1. Pentola
  2. Pentolino
  3. Polsonetto o pentola piccola alta
  4. Planetaria o frullatore
  5. Fornelli
  6. Spatola in silicone o Leccapentola*
  7. Mestolo di Legno
  8. 3 Ciotole
  9. Grattugia 
  10. Pirofila o zuppiera
  11. Frustino
  12. Colino
  13. Spianatoia o ciotola grande
  14. Canovaccio
  15. Schiumarola*
  16. Cappello da cucina o ciotola con carta assorbente
  17. Cucchiaino
  18. Sac à Poche
  19. Piatto da portata
  20. 2 Cucchiai
  21. Frigorifero
  22. Coppa pasta