Linguine all’Astice

Pronto in

60 min

Preparazione

30 min

Cottura

30 min

Porzioni

2 Persone

Costo

medio

difficoltà

media

3.9/5

pasta con l’astice

Linguine all’astice

Le linguine all’astice è un raffinato primo piatto della cucina italiana, utilizzato principalmente per il cenone di Natale, capodanno, Ferragosto e per occasioni importanti, come anniversari di matrimonio e festa di San Valentino.

Le linguine all’astice è una ricetta che a prima vista, può sembrare leggermente complicata per il fatto che, cucinare un grosso crostaceo vivo e con le chele, incute timore e sentimentalismo, questo fattore si può risolvere in due semplici modi: comprare un astice surgelato vivo, oppure tagliarlo a metà senza togliere gli elastici alle chele, io, onestamente ho sempre optato per la prima versione, in questo modo ho salvaguardato le dita e non sono stata assalita dai sensi di colpa, del resto poi, è una ricetta semplice e veloce come tutte le preparazioni a base di molluschi, crostacei e pesci in genere.

Oltre a essere una portata elegante e sofisticata, le linguine all’astice sono ricche di proteine, sali minerali, potassio e fosforo. Notevolmente ipocalorico, può essere adottato come piatto unico nelle diete dimagranti e nei diabetici, si sconsiglia l’uso però, nei regimi alimentari in gravidanza e allattamento, perché gli astici come tutti i crostacei sono potenzialmente allergizzanti.

Ingredienti

  • 200 g pasta linguine o spaghetti
  • 1 astice grande (600g)
  • 400 g pomodorini pachino o ciliegino
  • 2 spicchi d’aglio tritato
  • 2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
  • 1 peperoncino leggermente piccante
  • 50 ml olio extravergine d’oliva
  • 100 ml vino bianco secco
  • q.b. sale e pepe
Seguici su

Istruzioni

Mettete su un fornello a fuoco alto una casseruola con l’acqua e quando bolle calate i pomodorini già lavati precedentemente, fate cuocere 1 minuto e poi li scolate con il ragno o la schiumaiola.

Spellate i pomodorini e tagliateli in 4 parti, poi, soffriggete metà dell’aglio con metà dell’odio in una padella e fateli cuocere 10 minuti con un pizzico di sale.

Con delle forbici, tagliate l’astice a metà longitudinale, togliete il tomalley* e lavatalo sotto l’acqua corrente.

In una padella capiente, da poter contenere anche la pasta, fate soffriggere leggermente l’aglio tritato con un pizzico di pepe e il peperoncino, mettete l’astice con la polpa a contatto con il soffritto e fate cuocere 2 minuti a fuoco medio alto, poi, cospargete metà del prezzemolo tritato.

Versate il vino e fate cuocere l’astice 10 minuti a fuoco moderato con il coperchio, quando è diventato tutto rosso, toglietelo dalla padella spolpatelo e tagliatelo a pezzetti, facendo attenzione a non far rompere il carapace.

Riaccendete l’acqua di cottura dei pomodori,  quando bolle calate la pasta e mettete il sale.

Trasferite il sugo di pomodoro nella padella con il fondo di cottura dell’astice, aggiungete un mestolo di acqua di cottura della pasta e amalgamate bene il tutto e fate cuocere a fuoco moderato.

Scolate la pasta a metà cottura e conservatene l’acqua, poi, trasferitela nel sugo dell’astice e fate ultimare la cottura a fuoco alto, aggiungendo gradualmente l’acqua di cottura che necessita, regolandovi che, a fine cottura la pasta deve essere succosa ma non brodosa.

Aggiungete l’altro prezzemolo e la polpa dell’astice, fate saltare 2-3 volte o mescolate bene con 2 cucchiai. Impiattate e decorate con il carapace.

Consigli

  1. Il tomalley è il fegato e il pancreas dell’astice dal colore verde, anche se viene considerato una prelibatezza dalla cucina gourmet, si consiglia di esportarlo perché è un ricettacolo di inquinanti e tossine, specialmente se la loro provenienza è canadese o americana, infatti, tali governi, ne proibiscono il consumo.
  2. *Ragno o schiumaiola, sono mestoli bucati che si utilizzano in cucina per scolare alimenti
  3. Quando servite le linguine all’astice non dimenticatevi di apparecchiare la tavola con le apposite pinze per chele.
  4. Per un buon risultato è meglio utilizzare l’astice vivo ma, se siete come me che non avete il coraggio di ammazzarlo, allora comprate quello surgelato vivo e non quello precotto.
  5. L ‘astice surgelato va fatto scongelare almeno 12 ore in frigo prima di cucinarlo.

Conservazione

  1. Le linguine all’astice è un piatto che va consumato subito e ben caldo, volendo si può conservare anche un giorno ma con un scarso risultato.

Attrezzatura

  1. Casseruola
  2. 2 padelle
  3. Forbici
  4. Fornelli
  5. Coperchio
  6. Cucchiai
  7. Ragno* o schiumaiola*
  8. Mestolo per brodo
  9. 2 piatti